Sei in
Home > Microsoft & altri mondi > Web utility e development > File Sharing: comparativa dei vari servizi con pregi e difetti

File Sharing: comparativa dei vari servizi con pregi e difetti

Negli ultimi anni si è assistito ad un incremento dell’utilizzo dei siti specializzati nell’upload, conservazione e condivisione dei dati. L’inasprirsi della lotta alla pirateria attraverso i sistemi di P2P ha infatti spinto molti utenti a restringere il campo di azione nella condivisione di file, privilegiando questo tipo di servizio che permette, almeno in teoria, un maggior anonimato, restringendo il numero dei potenziali “utenti”.

La parte del leone è stata svolta da quei siti che operano da anni in questo campo ma sul “mercato” si sono affacciati anche nuovi operatori che, per spazio gratuito offerto e un maggior numero di servizi offerti, si dimostrano altamente concorrenziali. La scelta tra i diversi siti è talmente ampia che vale la pena perdere un po’ di tempo ad esplorare le loro varie funzioni in modo da poter scegliere quello che veramente è il più adatto alle proprie necessità.

Le problematiche principali legate ai siti di upload sono, tanto per cambiare, quelle relative alla privacy. Infatti anche se si decide di non rendere pubblico un file, esistono programmi e motori di ricerca specifici che lo possono rendere rintracciabile e sono pochi i siti che offrono la possibilità di non indicizzare i file.

Se si vuole raggiungere un maggior livello di sicurezza è perciò consigliabile:
1 – dare un nome al file in modo che non vi sia relazione tra il nome stesso e l’effettivo contenuto;
2 – criptare il file stesso se si vuole avere una maggiore sicurezza circa l’inviolabilità del contenuto;
3  –  ricordarsi sempre, in ogni caso, che la rete non e’ e non sara’ mai sicura al 100%.

Molti siti di upload offrono un buon livello di privacy, spazio illimitato e conservazione dei dati senza limiti di tempo solo a pagamento ma questo non esclude che a ben guardare si possano comunque trovare delle offerte interessanti.

Le caratteristiche principali da considerare nella scelta di un servizio di upload gratuito sono:
1 – possibilità di connessione e upload attraverso https
2 – spazio complessivo offerto gratuitamente
3 – limite massimo della grandezza del singolo file. Attenzione, alcuni siti fanno distinzione tra la grandezza del file in upload (di solito maggiore) e download (minore)
4 – periodo di conservazione dei dati (alcuni siti cancellano i file caricati dopo un certo periodo di tempo o se non vi è stato alcun download degli stessi)
5 – velocità offerta per il download gratuito
6 – eventuale presenza di contingenamenti in termine di MB scaricabili per unità di tempo (es. massimo 100MB per ora in fase di download dei file)
7 – integrazione con i principali social media e possibilità di spedire i link per email con un semplice click

Riportiamo di seguito una tabella comparativa di alcuni dei siti più conosciuti:

Nella scelta va inoltre considerato che alcuni siti di upload offrono anche possibilità di guadagno in base al numero di download, dei nuovi utenti che si sono registrati a seguito di tuoi inviti o al PPD – Pay Per Download (tempo fa abbiamo parlato di un servizio simile, offerto da Sharecash) . Quindi se si pensa che i file che andremo a caricare sul sito, saranno scaricati da molti utenti, si terrà anche in dovuta considerazione quest’ultima opzione.

Infine, nel caso di realtà aziendali, può essere utile ricordare che alcuni siti permettono ad altre persone di caricare i propri file direttamente sul nostro account dedicato senza accedere agli altri dati lì conservati.

Vi anticipiamo che prossimamente ci dedicheremo ad alcuni software anche multipiattaforma che consentono l’integrazione tra desktop e siti di upload.

File Sharing: comparativa dei vari servizi con pregi e difetti, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top