Sei in
Home > Microsoft & altri mondi > Vim: guida all’installazione su Windows 7

Vim: guida all’installazione su Windows 7

Vim  (Vi IMproved) è un editor di testo avanzato, che migliora il celebre editor Vi.

Molti utilizzatori di sistemi Linux lo utilizzano normalmente, e praticamente tutti ne hanno almeno sentito parlare. Vim è altamente configurabile, e torna molto utile, ad esempio, a chi scrive codici di qualsiasi tipo, come Java, C, HTML, e molti altri. A differenza di altri editor, non è semplice da usare, ma con un po’ di pratica può portare ad ottenere risultati neanche minimamente comparabili con quelli ottenibili dal semplice Blocco Note.

Tra gli utenti Windows questo programma non è molto conosciuto, ma questo non significa che non valga la pena di provarlo. Quindi, che voi siate degli utenti Linux in crisi di astinenza da Vim mentre usate Windows, o che siate degli utenti Windows con la voglia di imparare ad usare uno dei più potenti e configurabili editor di testo esistenti, ecco la guida su come installarlo su Windows 7 e configurarlo in modo da farlo partira dal Prompt dei Comandi.

L’installazione è molto semplice. Il file necessario all’installazione può essere scaricato direttamente dal sito ufficiale, che trovate a questo link. Andate nella pagina di Download, che trovate nel menu a sinistra, selezionate PC:MS-DOS and MS-Windows e successivamente cliccate sul primo link disponibile. Una volta scaricato il file, sarà sufficiente lanciarlo e seguire gli step dell’installazione.

Ad installazione ultimata, sarà sufficiente lanciare l’eseguibile, che si trova in Start, Tutti i programmi, Vim.  Per far partire Vim dal terminale di Windows, ovvero dal Prompt dei Comandi, è necessario aggiungere la cartella di installazione tra le variabili d’ambiente. Per farlo, andiamo nel Pannello di controllo, clicchiamo su Sistema, poi su Impostazioni di sistema avanzate e successivamente su Variabili d’ambiente. A questo punto, sotto Variabili di sistema, evidenziamo la scritta Path e clicchiamo su Modifica. Ora, di fianco a Valore variabile, aggiungiamo a quello che c’è la scritta “C:\Program Files (x86)\Vim\vim73”, preceduta da un punto e virgola (;). Clicchiamo su Ok e usciamo dalle impostazioni. Attenzione, se avete cambiato la destinazione di installazione, oppure se avete installato una versione differente di Vim, dovrete cambiare a dovere la directory scritta sopra.

Una volta aggiunta la variabile d’ambiente, sarà sufficiente scrivere “vim” nel Prompt dei comandi per aprirlo. Se è la prima volta che usate Vim, vi consiglio vivamente di seguire il Vim Tutor. Se avete aggiunto la variabiile d’ambiente sarà sufficiente digitare “vimtutor” nel Prompt. Altrimenti, lo potete trovare nel menu dal quale si lancia Vim in versione grafica. Dopo aver fatto il tutorial avrete conosciuto solo una minima parte dei comandi disponibili in Vim, ma saranno già sufficienti a farvi accorgere delle potenzialità che questo ottimo editor offre.

Vim: guida all'installazione su Windows 7, 3.7 out of 5 based on 3 ratings

3 thoughts on “Vim: guida all’installazione su Windows 7

    1. GD Star Rating
      loading...

      Ahahah, si per certi versi… ti assicuro per esperienza personale che imparare ad usare Vim non è facile ma dà molte soddisfazioni. La possibilità di crearsi delle macro apre migliaia di possibilità. Ti sfido a scrivere una matrice 4000×4000 composta da tutti zero con un editor normale, e poi mettere il valore 1 lungo la diagonale! Ribadisco che è molto utile soprattutto per un uso più “professionale”, per scopi particolari e quant’altro. Se devi scrivere una lettera no, ma se devi modificare un codice Fortran o C è veramente comodo!

      1. GD Star Rating
        loading...

        Dovessi fare una cosa del genere, scriverei un semplice programmino in php con un editor che non richieda di essere un polpo (in genere uso Eclipse per queste cose), facendolo in una passata unica invece di scrivere gli zeri e poi sostituirli. So bene quanto sia potente, come anche EMACS ma per i miei gusti sono troppo macchinosi rispetto agli effettivi vantaggi che si possono avere utilizzandoli; del resto, quante volte ti capita di dover scrivere una matrice di 4000×4000 zeri attraversata diagonalmente da una linea di 1 ?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top