Sei in
Home > Microsoft & altri mondi > Privacy vs. BitTorrent: fate attenzione a youhavedownloaded.com

Privacy vs. BitTorrent: fate attenzione a youhavedownloaded.com

La cronaca, anche giudiziaria, ci insegna che l’utilizzo di BitTorrent mal si coniuga con la nostra privacy. Più volte, nel corso degli ultimi anni, incauti navigatori sono finiti nelle maglie delle major andando incontro a onerose cause civili per aver condiviso copie illegali di materiale protetto dalle leggi sul copyright.

Oggi, per garantire la propria privacy esistono varie metolodogie che consentono una condivisione dei file con livelli di anonimato ritenuti almeno “accettabili” ma c’è ancora chi condivide file senza chiedersi se ciò sia legale e soprattutto senza curarsi della propria privacy. Attraverso tecnologie molto poco sofisticate è attualmente possibile risalire all’indirizzo IP di chi sta condividendo cosa, partendo dal file condiviso.

In quest’ottica è nato youhavedownloaded.com che, utilizzando l’indirizzo IP da cui ci stiamo connettendo al suo sito, mostra, in tempo reale, cosa abbiamo condiviso attraverso BitTorrent. E’ doveroso precisare che youhavedownloaded.com non è in grado di monitorare tutto il traffico generato attraverso BitTorrent ma solo il 20% del totale e che quindi non può ritenersi attendibile ma vale la pena visitarlo per informarci. Con questo nuovo servizio, possiamo renderci conto di quanto sia semplice essere tracciati e sapere se rientriamo tra gli oltre 50 milioni di IP, mettendo in evidenzia i dati sulle abitudini di condivisione dei file.

Questo sito, nato in Russia, ha come scopo ultimo quello di far comprendere che la privacy mal si coniuga con il web specialmente quando si effettua, senza le dovute accortezze, un’attività di file sharing. Al momento i fondatori sono ancora indecisi su come far evolvere il loro progetto. Da una parte vorrebbero continuare ad informare i loro lettori sui pericoli della rete, dall’altra stanno vagliando la possibilitá di creare un nuovo sistema di condivisione dei file che permetta un altissimo livello di privacy ai propri utilizzatori. Dalle prime indiscrezioni si apprende che il nuovo sistema si baserebbe sulla tecnologia analoga a quella alla base di Bitcoin ovverosia di un algoritmo cifrato a catena che identifichi il file certificandone l’autenticità. Inoltre, come per Bitcoin, tutti gli utenti sarebbero a loro volta protetti da un’identità anonima di cui sarebbe assai difficile risalire alla reale identità.

Monitoreremo per voi il progetto e se in futuro, i fondatori di youhavedownloaded.com, decideranno di rendere pubblici i risultati dei loro lavori di programmazione software, non tarderemo a segnalarvelo.

Privacy vs. BitTorrent: fate attenzione a youhavedownloaded.com, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top