Sei in
Home > Gaming > The Evil Within, nuova frontiera per l’horror?

The Evil Within, nuova frontiera per l’horror?

the-evil-withinChe Resident Evil sia una serie che per monetizzare abbia dovuto mutare genere, è un dato di fatto.

Meno scontato è forse che Shinji Mikami, creatore della serie, non sia particolarmente contento della piega action che hanno assunto i titoli più recenti e che pare sia arrivato il momento di dare una nuova svolta al mercato già di nicchia dei survival horror, partendo da zero. E quale migliore inizio del gettarsi appieno in un nuovo progetto? Nasce così l’idea che verrà identificata come The Evil Within.

Obiettivo primario: spaventare il giocatore.

Diciamoci la verità, il concetto di produrre un gioco per compiacere il pubblico videoludico è ormai andato a perdersi in gran parte e se da un lato c’è ovviamente la volontà da parte degli sviluppatori di offrire un titolo valido, è altrettanto vero che la società ha bisogno di un tornaconto per anche solo sperare di sopravvivere nel mercato odierno. Mikami traccia un profilo generale per il genere di cui vuole resuscitare l’antico splendore sottolineando parecchi aspetti ormai scomparsi dai giochi di sopravvivenza, ed in particolare uno che mi ha colpito più di altri: la luce. Nei titoli usciti durante gli ultimi anni, si sono visti innumerevoli ibridi horror/action ambientati in uno o più contesti all’aperto. Un dettaglio che non dovrebbe essere trascurato, in quanto giocare col buio e ciò che ne deriva dovrebbe essere peculiarità ed obbligo per chi cerca di produrre un buon prodotto appartenente al genere survival. The Evil Within andrà a riscoprire il rapporto tra luce ed ombra per fornire al giocatore una serie di situazioni ricche di ansia, con particolare attenzione alle sensazioni più sgradevoli alle quali la mente umana può indurci, pensate alla claustrofobia indotta dall’immedesimarsi in un personaggio che attraversa un cunicolo particolarmente stretto. L’ambientazione andrà a ricalcare i giorni nostri, proponendo un duo di protagonisti di nome Sebastian Castellanos e Joseph Oda: incipit? I due dovranno indagare su una serie di omicidi, o per meglio dire, un vero e proprio massacro che ha avuto luogo tra le mura di un ospedale psichiatrico. Intrigante, tali premesse lasciano ben sperare e per caricarvi di tensione pre-uscita vi lasciamo con un trailer di presentazione per il gioco.

[youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=Zc-jvqJV4SI’]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top