Sei in
Home > Gaming > Pokémon Y, diario di viaggio – Giorno 2

Pokémon Y, diario di viaggio – Giorno 2

Pokémon X e Y

Rieccoci col nostro diario di viaggio: dove eravamo rimasti?

La consegna dello starter. Abbiamo accennato non a caso all’evento wi-fi che permette ai giocatori di ottenere Torchic, in quanto è connesso ad un argomento che è parte integrante del nuovo duo di giochi: la megaevoluzione. Tale stadio è raggiungibile da determinati pokémon nel momento in cui esso tiene uno strumento particolare, ovvero una pietra che permette di innescare la trasformazione temporanea in un’entità dal maggior potere o con differenti abilità. Dai trailer diffusi da Nintendo abbiamo già potuto ammirare le megaevoluzioni di Mewtwo, Blaziken, Ampharos e tanti altri: proprio il professor Platan sarà colui che ci chiederà di investigare sui meccanismi che permettono di accedervi.

Una quantità spropositata di creature catturabili

Da molti considerato un difetto, personalmente trovo che sia un grande pregio.

Kalos è suddivisa in tre macrozone, ognuna delle quale presenta circa 150 pokémon diversi tra vecchi e nuovi: non serve quindi spiegare che ogni percorso è colmo di creature da catturare. Tantissime, al punto che è possibile (e forse consigliabile per una diversa esperienza di gioco) creare un team diverso per ogni nuova località: ai vari Honedge, Espurr e Flabèbè si alternano Pidgey, Eevee e Pikachu per un livello di varietà davvero molto alto. E ricordiamo che il nuovo sistema permette di guadagnare esperienza anche quando si cattura un pokémon, ulteriore incentivo a dedicarsi un pochino di più al completamento del Pokédex piuttosto che proseguire spediti senza godere appieno di quanto il gioco ha da offrire.

Dinamico, coinvolgente, estroso: il comparto grafico

Una grande novità apportata da Pokémon X e Y è il nuovo livello di design grafico: una risoluzione mai raggiunta prima che sfrutta finalmente un livello poligonare superiore, dando vita a bellissimi paesaggi realizzati con cura meticolosa. Vi capiterà probabilmente di soffermarvi su vari dettagli come i riflessi degli specchi d’acqua, che uniti alle nuove animazioni fornite ad ogni pokémon generano un susseguirsi di situazioni che non fanno assolutamente rimpiangere le vecchie regioni, anzi. Tecnicamente parlando, questi sono ad oggi i titoli definitivi per la serie.

Ci rivediamo nel prossimo log, in cui analizzeremo meglio alcune features prima d’ora inedite.

Pokémon Y, diario di viaggio - Giorno 2, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top