Sei in
Home > Gaming > Pokémon X e Y, dove eravamo rimasti?

Pokémon X e Y, dove eravamo rimasti?

Venuto a mancare un costante aggiornamento su cosa bolle in casa Nintendo durante le scorse settimane, cerchiamo di fare il punto della situazione sulla coppietta che farà probabilmente innalzare all’olimpo delle vendite (per l’ennesima volta) il 3DS: i nuovo giochi Pokémon.

Pokémon X e Y segnano uno stacco tradizionale che vedrà una valanga di elementi nuovi e finora inediti:

1. Le già odiamate Megaevoluzioni: tramite l’utilizzo di un oggetto dedicato è possibile avviare un processo di trasformazione temporanea per il proprio pokémon, che guadagnerà caratteristiche del tutto nuove e muterà anche nell’aspetto. Se tuttora non sappiamo quante siano le creature coinvolte da questo processo, di sicuro possiamo fare qualche nome: MegaVenusaur, MegaCharizard e MegaBlastoise per la gioia dei vecchi fan della serie, MegaMewtwo in ben due forme a seconda della versione di riferimento, MegaAmpharos, MegaMawile, MegaGarchomp, MegaLucario, MegaBlaziken, MegaAbsol e così via. Insomma, una feature che sembra promettere bene anche se di certo ha diviso le idee degli appassionati che si sentono forse traditi, sicuramente scombussolati da questa improvvisa svolta nell’ormai comprovato sistema di evoluzioni.

2. L’utilizzo delle dinamiche 3D della console almeno per quel che riguarda gli intermezzi relativi alle sessioni di combattimento;

3. L’introduzione di un sistema di storage su server dedicato, che la Nintendo ha presentato come Pokébanca: si potranno depositare fino a 3000 pokémon usufruendo di 100 box ai quali poter attingere in qualsiasi momento. A supporto di questa feature abbiamo il Pokétrasferitore che consentirà ai giocatori in possesso di una copia di Pokémon Bianco o Nero (e diretti sequel) di poter trasferire le creature collezionate in tale save su Pokémon X e Y. Perplime la natura del servizio, che pare sarà a pagamento: circa 4 euro affidandoci al cambio dal prezzo confermato in Giappone, ovvero 500yen per un servizio annuale. Non male, considerando che la società dovrà pur sostenere relativi costi di mantenimento.

Vi lasciamo con una sfilza di trailer in cui poter assaporare le varie novità presentate nel corso di questi due mesi.

[youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=qzJp51ZuIRc’]

[youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=cprESRSKDgE’]

[youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=gy6aFG2bEAs’]

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top