Sei in
Home > Microsoft & altri mondi > Permessi cartelle di rete e non, come recuperarli con un semplice tool.

Permessi cartelle di rete e non, come recuperarli con un semplice tool.

Dovete recuperare i permessi applicati ad una gerarchia di cartelle e non sapete come fare?

Con AccessEnum, tool disponibile sul sito technet di Mircrosoft, riuscirete ad avere un report dell’intero albero di cartelle che volete controllare fino ad arrivare al permesso del singolo file.

Tool standalone semplice da usare, scaricabile dal sito Tecnet Microsoft.

L’interfaccia (vedi immagine allegata) è abbastanza semplice e spartana, cliccando sul pulsante Directory che troviamo in alto a destra, selezioniamo il disco di rete o la cartella su cui vogliamo effettuare l’analisi.

Successivamente clicchiamo sul tasto Scan che trociamo in basso a sinistra, il programma parte con la scasione dell’albero di cartelle che gli abbiamo dato in pasto permettendoci di vedere il risultato in tempo reale nella finestra centrale.

Il risultato di una scansione è compost da:

  • Path: indica il percorso del file/cartella analizzato/a
  • Read: indica tutti gli utenti/gruppi che hanno il permesso di lettura sul file/cartella
  • Write: indica tutti gli utenti/gruppi che hanno il permesso di lettura/scrittura sul file/cartella
  • Deny: indica tutti gli utenti/gruppi che hanno l’accesso negato sul file/cartella

Una volta che il programma ha terminato la scansione, il tasto Save che troviamo in basso a sinistra viene abilitato, e ci permette di salvare un report su un file di testo con le diverse voci separate da ” “, cosa che permette di importare il tutto in un file excel con molta semplicità.

Interfaccia di AccessEnumL’unica nota “negativa”, è che il file di testo generato è per ovvie ragioni di grandi dimensioni, ho notato comunque che importando il tutto in excel per applicare dei filtri di visualizzazione, si ha una riduzione enorme delle dimensioni (da 51Mb del file *.txt a ben 1,35 Mb del file *.xlsx).

Il programma supporta altre funzioni, come quella di comparare la scansione effettuata, con una precedentemente salvata su un file di testo.

Buon report dei permessi 😉

Top