Sei in
Home > Microsoft & altri mondi > Migliorare le perfomance di Windows 7

Migliorare le perfomance di Windows 7

Questa piccola guida, redatta con molta pazienza, segue alcuni comportamenti personali atti a mostrare come migliorare i servizi dell’ultimo sistema operativo di casa Microsoft. Rispetto a Vista, 7 chiede molto meno risorse, è più veloce, più sicuro (ma non esageriamo) e contiene molte più funzionalità. Ma come al solito, c’è sempre qualcosa che non va…

Col tempo, installando e disinstallando, giocando, lavorando e navigando, il computer rallenta le sue funzionalità. Quindi dove operare?! Cosa fare quando il computer ci mette tanto a caricare un programma, o ci mette molto tempo ad avviarsi? Ecco quindi qualche consiglio su come limitare questi piccoli intoppi.

1 – Creare i dischi di ripristino

Il primo e forse il più ovvio, è appunto quello di crare dei dischi di ripristino. Può essere noioso, il tempo di farli è di circa 1 ora, ma molto utile. In caso vi siate beccati un bel virus, e il computer ormai non va più, la soluzioni migliore è quella di ripristinare il computer, proprio com’era all’inizio del suo utilizzo.

2 – Deframmentare

Rispetto a Linux, Windows ha bisogno di essere deframmentato spesso.

Questo per riordanare lo spazio disponibile sui dischi, e per rendere più veloce il caricamento delle risorse. Un programma molto utile, può essere MyDefrag, disponibile qui.

Può essere utile sapere che Windows 7 effettua una propria deframmentazione automatica, in base ad un giorno configurato alla settimana (a me risultava alle 2 di notte di mercoledì…) toglietela che è meglio!

I passaggi da fare sono i seguenti:

Start -> scrivere nella barra di ricerca “deframmentazione” e cliccare Unità di deframmentazione dischi ->Pianificazione ed infine spuntare la casella di “esegui in base ad una pianificazione”.

3 – Pulizia del sistema

I computer per molti sono come una sorta di scrivania. Per chi ci lavora dalla mattina alla sera e per chi lo usa solo per giocare, può essere utile purlirlo ogni tanto. Dimenticate il cestino, e installate questo programma: CCleaner. CCleaner vi permette di eliminare tutti i file indesiderati o di cui non ne sapevate l’esistenza, ad esempio cache dei file di Firefox/Explorer/Chrome, cookie, documenti visualizzati recentemente, file temporanei.

Insomma qualsiasi cosa non vi vada a genio, spuntate la casella a fianco dell’applicazione e puf, via tutto.

Il programma alla fine delle operazioni vi mostrerà quanta sporcizia è stata rimossa… e talvolta lascia bocca aperta!

4 – Windows Defender e Antivirus

Qualsiasi anti-virus abbiate installato, vi farà sentire sicuri (o almeno si spera). Io utilizzo Avira Antivir, ma ognugno ovviamente ha le proprie preferenze. Defender ha bisogno di molte risorse, ma se avete un anti-virus installato, potrebbe essere utile bloccare questa funzionalità di 7. Il percorso da effettuare è il seguente:

Start -> Pannello di controllo (dopo la ricerca effettuata con esplora risorse) -> Windows Defender -> Strumenti -> Opzioni -> nel menu a sinistra andate su Amministratore -> ed infine spuntare il programma per disabilitarlo.

Per essere sicuri di non avere malware, potrebbe essere utile scaricare Malwarebytes.

5 – Avvio

Quasi tutti i programmi installati oggigiorno, ad esempio Skype o MSN, richiedono sempre la possibilità di essere avviati all’avvio del computer. Questa operazione porta molta rallentamenti all’avvio, ed è possibile risolverla in 2 modi:

5.1 – togliere le applicazioni che non sono necessarie quando si avvia il computer: Start -> esegui -> digitare “msconfig” -> si avvierà la finestra di Configurazione di Sistema, andate quindi su Avvio e spuntate tutto ciò che non vi serve all’avvio del computer;

5.2 – boost con pen drive: 7 permette di configurare un pen drive (o anche un hard disk, a seconda delle necessità) come memoria ausiliaria durante il caricamento delle risorse. Per fare ciò procuratevi un pen drive di riserva, inseritelo nel computer e cliccateci col tasto destro ->Proprietà -> Ready Boost -> scegliere “Utilizza il dispositivo” e specificare quanti GB si vogliono dedicare al boost.

6 – Utilità varie

Se non si è particolarmente amatori della grafica delle cartelle, finestre e della barra delle applicazioni, per quanto belle possano essere, è utile sapere che spesso sono la causa di crash e rallentamenti, oltre al fatto che occupano risorse. Per cambiare basta cliccare col tasto destro sul proprio sfondo -> Personalizza -> e scegliere “Windows 7 Basic”, come tema di base, ovvero quello più semplice.

Tutto sommato sono solo delle piccole attenzioni, che attuate possono far risparmiare qualche minuto di tempo, o varie seccature. Una soluzione rapida e indolore, evitando di fare tutte queste “acrobazie” e di rileggere il presente articolo, potrebbe essere quella di passare a Linux.

P.S.: Ricordo che si declina ogni responsabilità dall’uso improprio dei vari tool e comandi, e consiglio vivamente di effettuare le procedure con attenzione. Si declina inoltre ogni responsabilità su eventuali danni recati al proprio computer.

Migliorare le perfomance di Windows 7, 4.7 out of 5 based on 3 ratings
$accesspress_mag_show_footer_switch = of_get_option( 'footer_switch', '1' ); $accesspress_mag_footer_layout = of_get_option( 'footer_layout' ); $accesspress_mag_sub_footer_switch = of_get_option( 'sub_footer_switch', '1' ); $accesspress_mag_copyright_text = of_get_option( 'mag_footer_copyright' ); $accesspress_mag_copyright_symbol = of_get_option( 'copyright_symbol', '1' ); $trans_top = of_get_option( 'top_arrow', 'Top' ); if( empty( $trans_top ) ) { $trans_top = __( 'Top', 'accesspress-mag' ); } ?>