Sei in
Home > GNU/Linux > Configurare NO-IP su Raspbian per raggiungere il Raspberry da remoto

Configurare NO-IP su Raspbian per raggiungere il Raspberry da remoto

raspberry-pi-berries

Il giorno che presi il Raspberry, una volta arrivato il pacco mi chiesi: “E adesso? Che ci faccio?”. Ecco, iniziando il mio nuovo lavoro mi si è riaccesa la scintilla per lo smanettamento e ora ho in testa tanti piccoli progettini (alcuni utili, altri meno) che possono essere attuati sulla single board più famosa del mondo.

Ho iniziato a pensare ad una configurazione “standard” per il Raspberry, una configurazione basilare che mi permetta di gestirlo, aggiornarlo, raggiungerlo in remoto ecc. senza alcun problema. Ho quindi fatto qualche googlata in vecchio stile e la seguente per me è la configurazione minima indispensabile da avere sul Raspi:

  • Raspbian
  • Firmware updater by Hexxeh
  • Accesso FTP
  • Accesso SSH
  • Accesso da remoto

Sembrano tutte cose banali e scontate, ma su uno strumento come il Raspberry è tutta roba (a mio avviso) davvero utile. Con questo articolo voglio focalizzarmi sull’accesso da remoto visto che il resto è tutto pre-configurato o facilmente installabile/configurabile.

Innanzitutto serve un DNS dinamico (Dynamic DNS). Cosa è?  Il Dynamic DNS (DDNS) è un servizio che permette di associare l’ indirizzo pubblico del router sul quale è nattato l’ indirizzo privato della macchina host ad un DNS, in modo che questo sia sempre raggiungibile, anche al cambio di IP imposto dal router. Questo significa che bisognerà scrivere nel router l’ indirizzo IP fisso dell’ host (il Raspberry nel nostro caso) in modo che il router sappia DOVE trovarlo. Successicamente NO-IP si preoccuperà di aggiornare i record DNS ad ogni cambio di indirizzo pubblico del router.

Requisiti:

  • Raspbian
  • Indirizzo IP statico assegnato al raspi (leggete nota a fine articolo per una indicazione generica)

Procedimento – Creazione account:

Innanzitutto procediamo con la creazione di un account GRATUITO su NO-IP. L’ account sarà sempre disponibile e sempre gratuito, ovviamente con alcune limitazioni, per esempio non potrete scegliere l’ “estensione” del dominio, ma non preoccupatevi.

  1. Recatevi su http://www.noip.com/ e registratevi
  2. Controllate la mail e verificate l’ account
  3. A questo punto loggatevi e cliccate su “ADD HOST”
  4. Nel campo hostname inserite il dominio che volete (esempio: pippo.pluto)
  5. Come host type lasciate il tipo A
  6. Come indirizzo IP inserite il vostro attuale indirizzo IP che potete scoprire andando su www.ilmioip.it
  7. Cliccate sul bottone arancio a fine pagine “add host”
  8. Fine

Procedimento – Installazione e configurazione NO-IP.
Ora dovremmo configurare in modo corretto anche NO-IP sulla nostra Raspbian.

  1. Aprite il terminale
  2. Digitate: mkdir /home/pi/noip
  3. Ora spostatevi nella cartella con: cd /home/pi/noip
  4. Quindi scaricate NO-IP tramite: wget http://www.no-ip.com/client/linux/noip-duc-linux.tar.gz
  5. Estraete quindi l’ archivio: tar vzxf noip-duc-linux.tar.gz
  6. Ora entrate nella cartella estratta con: cd noip-2.1.9-1
  7. Ora date: sudo make
  8. E per iniziare l’ installazione e la configurazione: sudo make install
  9. Inserite la vostra mail di registrazione e la password quando richiesto
  10. Ora avviate il servizio con: sudo /usr/local/bin/noip2
  11. Fine

Bonus – Avviare NO-IP all’ avvio del Raspi:

  1. Create un nuovo file tramite: sudo nano /etc/init.d/noip2
  2. Incollateci questo:#######################################################
    #! /bin/sh
    case "$1" in
    start)
    echo "Starting noip2."
    /usr/local/bin/noip2
    ;;
    stop)
    echo -n "Shutting down noip2."
    killall -q -TERM /usr/local/bin/noip2
    ;;
    *)
    echo "Usage: $0 {start|stop}"
    exit 1
    esac
    exit 0
    #######################################################
  3. Ora date i permessi al file appena creato con: sudo chmod 755 /etc/init.d/noip2
  4. E per finire: sudo update-rc.d noip2 defaults
  5. Fine

Port Forwarding:

Ricordatevi di abilitare il PF sull’ IP statico del dispositivo e nattare le porte che vi servono. Per esempio se avete assegnato l’ IP 192.168.0.567 al Raspi e volete usare l’ SSH in remoto (quindi quando non siete sulla vostra rete domestica, ma per esempio al McDonalds) dovete inserire tra le regole del vostro router l’ IP del raspi e inserire come porta locale la 22 (SSH) e come porta pubblica una porta “qualunque”, per esempio la 10456. In questo modo dopo avere settato anche il NO-IP in modo opportuno se provate a collegarvi potete usare: indirizzodnsdinamico.noip.com:10456 et voilà.

Il gioco è fatto.

Configurare NO-IP su Raspbian per raggiungere il Raspberry da remoto, 4.6 out of 5 based on 11 ratings
Top