What a game needs: l’evoluzione della grafica




VN:F [1.9.22_1171]
VOTA L'ARTICOLO
Rating: 4.0/5 (1 vote cast)

grafica

Secondo appuntamento con la rubrica!

In questa sorta di speciale vorrei introdurre un aspetto decisamente più tecnico e caro a molti come ignorato da altrettanti: le potenzialità grafiche di un titolo sono da sempre fonte di dibattito in quanto i pareri che ne determinano l’importanza sono molto discordanti.

Chi si è avvicinato per la prima volta al mondo videoludico nel corso degli ultimi anni trova forse un po’ di difficoltà ad immaginare dei titoli privi (in parte o totalmente) di fascino derivato da una componente grafica super-sviluppata e curata nei minimi dettagli.

Vi è però una fetta di pubblico che non ha particolare interesse nella sezione grafica o punta addirittura ad uno stile datato: proprio da questo fattore nasce la necessità di improvvisare alcuni videogiochi con meccaniche prettamente retrò.

Questa è più o meno la nascita del fenomeno chiamato retrogaming.

La netta evoluzione grafica ottenuta nel corso degli ultimi anni ha reso sempre più forte il desiderio di conservare alcune dinamiche dei decenni scorsi e da queste esigenze prendono vita capolavori come Cave Story e Chtulhu Saves the World: anche dettagli come la scelta delle tonalità per paesaggi e fondali risultano decisamente importanti e non sorprende che molti sviluppatori abbiano optato con ritmo sempre crescente per scelte tecniche come il predominante uso del bianco e nero.

Alcuni titoli odierni hanno fatto del loro punto di forza la spropositata quantità di cutscene: è il caso di Final Fantasy XIII o Metal Gear Solid 4 che (sebbene posseggano evidenti richiami ai loro predecessori) vengono quasi considerati dei veri e propri film interattivi.

Evidente come il pubblico sia quindi diviso a metà.

Grafica estremizzata al limite del possibile o un gameplay ipnotico che sacrifica in parte le potenzialità destinate alla risoluzione finale?

La scelta spetta al consumatore finale, quindi via libera alle opinioni personali.

What a game needs: l'evoluzione della grafica, 4.0 out of 5 based on 1 rating