Sei in
Home > Gaming > Kingdoms of Amalur: Reckoning – cenni e pareri

Kingdoms of Amalur: Reckoning – cenni e pareri

Kingdoms of Amalur: Reckoning è il nuovo titolo sviluppato da 38 Studios.

Esso rappresenta la parziale riscoperta di un genere che non è particolarmente fluido ed apprezzato in territorio occidentale, ovvero quello degli RPG.

Infatti (è possibile notarlo con una rapida occhiata alle recenti release) dopo l’uscita di Skyrim il mercato dei giochi di ruolo si è notevolmente smorzato e di titoli davvero meritevoli ne vengono prodotti in dosi a dir poco minime.

Pensare al mondo di World of Warcraft con alcuni cenni diretti da altri titoli più o meno noti è il metodo più congeniale per farsi un tipo di idea equilibrata su quanto Kingdoms of Amalur abbia da offrire: uno spazio immenso da esplorare reso ancora più fantasioso da un sistema di gestione dell’ambiente in tempo reale (che ne riproduce le fattezze in maniera a dir poco impeccabile) ed arricchito da una trama che nonostante abbia toni forse eccessivamente cupi risulta essere estremamente curata ed approfondita.

Il gameplay spazia tra il classico action-RPG e delle componenti che arricchiscono notevolmente la struttura del titolo e tratte da titoli in pieno stile orientale: un ricco sistema di potenziamenti permette infatti di modificare al meglio le capacità del proprio personaggio.

Molta importanza viene fornita anche alla gestione delle combo nel corso della battaglia.

I vari attacchi concatenati saranno infatti resi disponibili durante il corso dell’avventura e a seconda di come il proprio personaggio ottiene i potenziamenti concessi dal level-up: il tutto viene contornato da elementi come invocazioni, attacchi magici e molto altro in grado di espandere la propria esperienza di gioco.

Degno di menzione il quantitativo di quest secondarie: si tratta di decine (se non centinaia) di missioni minori che si intrecciano sapientemente con il procedere nella storia principale e offrono molteplici ore di divertimento aggiuntivo.

Si tratta quindi di un titolo coi controfiocchi: Kingdoms of Amalur andrebbe giocato da ogni appassionato del genere RPG in cerca di nulla di particolarmente innovativo ma piuttosto di un titolo che fa dei suoi punti forti un gameplay consolidato ed elementi di gioco ben noti a gamers di vecchia data.

Kingdoms of Amalur: Reckoning - cenni e pareri, 4.0 out of 5 based on 1 rating
$accesspress_mag_show_footer_switch = of_get_option( 'footer_switch', '1' ); $accesspress_mag_footer_layout = of_get_option( 'footer_layout' ); $accesspress_mag_sub_footer_switch = of_get_option( 'sub_footer_switch', '1' ); $accesspress_mag_copyright_text = of_get_option( 'mag_footer_copyright' ); $accesspress_mag_copyright_symbol = of_get_option( 'copyright_symbol', '1' ); $trans_top = of_get_option( 'top_arrow', 'Top' ); if( empty( $trans_top ) ) { $trans_top = __( 'Top', 'accesspress-mag' ); } ?>