Sei in
Home > Android > Guide > Guide Android: eseguire la procedura di ROOT su HTC Legend

Guide Android: eseguire la procedura di ROOT su HTC Legend

Ho avuto l’ opportunità di avere sottomano un’ HTC Legend e da bravo smanettone mi sono subito incuriosito per vedere le modifiche che potevo fare. Con mia grande gioia ho scoperto che si può mettere la stupenda (e a mio avviso) migliore ROM che esista in circolazione, ovvero la CyanogenMod. Il problema è che per mettere la Cyano (abbreviazione di CyanogenMod) bisogna dare i privilegi di Root al terminale e non è troppo semplice.

In questa maxi-guida sono raccolte tutte le info necessarie trovate su vari siti (italiani e stranieri) per eseguire il Root nel modo più semplice e sicuro possibile. Putroppo per chi è gia nel mondo del modding di Android il problema di questo Rooting è il fatto che non basta flashare una Rom nuova (anche stock) con i privilegi di Root (come capita con i Samsung) ma la procedura è più lunga e laboriosa.

Attenzione: l’autore e OpenGeek non si assumono alcuna responsabilità dei danni lievi o gravi causati ai vostri dispositivi nell’ esecuzione delle procedure qui descritte. Usate la guida e i tool a vostro rischio e pericolo. Possibilmente prima di eseguire la procedura leggetela tutta almeno una volta.

Premesse e occorrente:

  • Sistemi operativi consigliati: Windows Xp, Windows 7
  • Cavetto USB
  • La procedura è stata testata personalmente da me e da altri utenti della rete con successo
  • Una MicroSD da formattare e usare come GoldCard
  • Effettuate un Backup di tutto ciò che ritenete importante (musica, foto, video, messaggi ecc)
  • E’ consigliabile utilizzare un portatile attaccato alla corrente
  • Cellulare carico
  • Il cellulare deve sempre essere in modalità DebugUSB e in modalità Ricarica (tranne se diversamente specificato)

Cosa dovete saper fare:

  • Dovete attivare il DebugUSB sul vostro telefono (impostazioni>applicazioni>sviluppo>DebugUSB).
  • Spuntate l’opzione installazione di programmi da origini sconosciute.
  • Aprire il prompt di Windows: Su XP fate start> esegui> poi scrivete cmd e date invio
  • Aprire il prompt di Windows: Su 7 fate start> scrivete cmd e premete invio.
  • Per aprire una sottocartella (a partire dalla cartella dove vi trovate) utilizzate il comando: cd percorso cartella da aprire
  • Per tornare indietro di una cartella digitate: cd

La procedura si dividerà in 4 parti:

  1. Driver USB e Installazione di JDK, ADK e controllo Adb
  2. Creazione GoldCard
  3. Downgrade
  4. Esecuzione Root

Tempo stimato: se siete bravi e seguite la guida alla lettera dovreste metterci circa 3 ore buone.

Procedura 1 – Driver USB e Installazione di JDK, ADK e controllo Adb:

Per Rootare il dispositivo bisogna controllare che i Driver USB e Adb siano installati correttamente. Per fare questo basterà scaricare qualche .exe da internet.

  1. Se non lo avete ancora scaricate HTC Sync per installare i driver USB. Una volta scaricato installatelo, collegate il telefono e dovrebbe uscire un messaggio che vi dice che si stanno installando i Driver. Link Download: HTC Sync
  2. Per fare funzionare ADK è necessario JDK (Java Developement Kit): Download
  3. Ora dovete installare ADK (Android Developement Kit): Download
  4. Aprite il prompt e seguite questo percorso: C:\Programmi\Android\android-sdk\platform-tools e copiate i file: Adb.exe & AdbWinApi.dll in C:\Windows\System32
  5. Per sicurezza ora riavviate il computer
  6. Collegate il telefono che deve essere in modalità ricarica e deve essere in DebugUSB
  7. Aprite il prompt e recatevi nella cartella platform-tools dell’ SDK
  8. Digitate: adb devices
  9. Dovrebbe uscire la lista dei cellulari connessi e trovati.
  10. Fine

Procedura 2 – Creazione GoldCard:

Con questa procedura viene effettuato solitamente per gli HTC brandizzati ma per sicurezza eseguitela comunque. E’ facile e veloce.

  1. Scaricate da link che segue il programmino necessario: GoldCardTool
  2. Con il telefono connesso in modalità ricarica, formattate la MicroSD (impostazioni> scheda sd>smonta e poi formatta)
  3. Avviate il programma scaricato in precedenza
  4. Cliccate su “Get CID”.  Se da errore provate a scambiare MMC0 con MMC1 e viceversa
  5. L’ applicazione vi restituirà un codice numerico, copiatelo
  6. Poco sotto il campo “Get CID” dovrebbe esserci un Link auna pagina web che chiederà il codice numerico precedentemente copiato; compilate le varie voci e riceverete verrà creato un file apposito per la vostra SD, scaricatelo.
  7. Attivate l’ archiviazione di massa sul vostro cellulare
  8. Cliccate poi su “Refresh” dall’ applicazione e selezionate la MicroSD del telefono
  9. Cliccate poi su “Load goldcard.img” e selezionate il file scaricato precedentemente
  10. Cliccate su “Patch MMC”
  11. Attendete qualche secondo e fine! Avete la vostra GoldCard.

Procedura 3 – Downgrade:

Eseguire il Downgrade è la parte piu rischiosa di tutta la storia. Infatti eseguire un Downgrade è sempre sconsigliato per tutti i telefoni (Nokia, Samsung, HTC, LG ecc..). Inoltre è la parte piu lunga e “complicata” di tutta la procedura qui descritta. State ben attenti a non sbagliare. Il vantaggio è che se avete un Legend no-brand mai aggiornato, volendo potete non eseguire il Downgrade ma in questo caso è molto probabile (e molto consigliato) eseguirlo comunque (come ho fatto io) per evitare danni e problemi al terminale.

Scaricate i seguenti file:

  1. Estraete il file Hack4Legend e posizionate i file contenuti nella cartella Tools dellà SDK
  2. Collegate il telefono in modalità carica
  3. Tramite prompt spostatevi nella cartella Tools dell’ SDK e digitate cracking.bat. Date invio.
  4. Il telefono ora si riavvierà diverse volte, vibrerà e sembrerà impazzito. Tutto normale. Il terminale di windows vi restituirà una marea di errori ma anche questo è tutto normale. Quanto il telefono avrà smesso di riavviarsi tra le righe del prompt dovreste leggere una cosa del genere: crwxrwxrwx 1 1001 2002 90, 0 Jul 19 16:19 /dev/mtd/mtd0
  5. Se cosi fosse siete pronti per il Downgrade. In alternativa se vi esce una stringa simile: c—rw—- 1 1001 2002 90, 0 Jul 19 16:19 /dev/mtd/mtd0 non potete ancora effettuare il Downgrade e quindi dovrete o riavviare il cellulare oppure ripristinare le impostazioni di fabbrica.

PER CHI POSSIEDE FROYO 2.2 SEGUITE ANCHE LA PROCEDURA SEGUENTE:

Dopo aver eseguito tutta la prima parte del downgrade dovete seguire questi passaggi:

  1. Installate VISIONary (r12, r13 o anche r14) e Superuser
  2. Avviate il Temproot tramite VISIONary
  3. Andate sul prompt di Windows, entrate nella cartella Tools di SDK e digitate adb shell
  4. Digitate su e date i permessi tramite telefono con l’ applicazione Superuser
  5. Digitate /data/local/flash_image misc /data/local/misc1-2.img e date invio.

ATTENZIONE: Se siete partiti da un telefono con Froyo 2.2 è quasi sicuro che vi restituisca questo: c—rw—- 1 1001 2002 90, 0 Jul 19 16:19 /dev/mtd/mtd0. Voi fregatevene e continuate con la guida.

Downgrade effettivo:

  1. Avviate la seconda applicazione scaricate (RUU)
  2. Eseguite le istruzioni che vi da il programma
  3. Fine

La procedurà puo durare qualche momento (almeno 5 miuti) e se vi da errore niente panico, riprovate.

Procedura 4 – Esecuzione Root:

Ora finalmente passiamo alla quarta ed ultima parte, dove dovete eseguire il Root.

  1. Scaricate il seguente file: R4LegendRoot
  2. Collegate il telefono in modalità carica con DebugUSB attivo e GoldCard inserita
  3. Scompattate il file scaricato e posizionatevi nella sua cartella con il prompt
  4. Spegnete il telefono e riaccendetelo tenendo premuto il tasto Back
  5. Da terminale date: step1-windows.bat
  6. Aspettate che finisca di fare ciò che deve e poi spegnete il telefono (per farlo spostatevi con i tasti volume su “shut down” e premete il tasto di accensione per confermare)
  7. Togliete la MicroSD e formattatela da un PC o sostituitela con un’ altra SD
  8. Riaccendete il telefono con “Back” premuto e collegatelo al PC
  9. Usando i tasti volume per muoversi nel menù e il tasto accensione per selezionare, aprite il menù bootloader (si bloccherà per qualche attimo, siate pazienti)
  10. Poi selezionate “Recovery”
  11. Sul prompt di Windows ora date: step2-windows.bat
  12. Finito il processo sul PC dal telefono dovreste visualizzare la schermata di recovery
  13. Con la trackball ottica selezionate il menù Wipe (occhio a non sbagliare)
  14. Da lì fate i Wipe della Dalvik Cache e Wipe del sistema (Terza e prima voce se non erro)
  15. Premete il tasto per diminuire il volume e recatevi al menù “Install .zip from SDCard”
  16. Da li selezionate “rootupdate.zip
  17. Aspettate che finisca tutta la procedura
  18. Riavviate il telefono
  19. Fine

Ora dovreste avere il telefono con i privilegi di Root effettivi. Volendo ora potete provare Rom cucinate e altre app che richiedono privilegi di Root. Più avanti scriverò una guida su come installare la CyanogenMod e come mettere il telefono in S-OFF.

Top