Sei in
Home > Android > Guide > G Watch e Android Wear: ecco la nostra opinione

G Watch e Android Wear: ecco la nostra opinione

LG-G-Watch-C

Ben ritrovati a tutti i lettori di OpenGeek! Oggi voglio parlarvi della mia esperienza con il neonato orologio made by LG: il G Watch.

Non potevo lasciarmi scappare un piccolo “gioiellino” del genere, e in vista del mio compleanno (tanti auuuuguuuri a meeeee) mi sono tolto uno sfizio. Inizialmente ero tentato di non fare nulla sul G Watch. Girando le pagine dei blog più blasonati, ho notato che dicevano tutti le stesse cose, di cui metà non coincidono con quello che sto realmente provando in questi giorni.

Packaging

Devo darvi davvero delle opinioni su una scatola di cartone che toccherete per 30 secondi al massimo?

Costruzione, design e ergonomia

Contro ogni mia aspettativa (LG non mi è MAI piaciuta, l’ ho sempre reputata una società che fabbrica “robaccia”) il G Watch si dimostra di ottima fattura. Molto lineare, minimale se vogliamo esagerare, e già questo mi attira molto, non da troppo nell’occhio e non è pacchiano, quasi elegante. La dimensione è pressochè perfetta: sul polso sembra di non averlo, è leggerissimo e poco ingombrante, non si rischia nemmeno di picchiare per sbaglio contro altri oggetti.

L’ unica nota dolente è il cinturino: la gomma siliconata usata d’estate fa sudare il polso, ma anche qui il “problema” è presto risolto con un cinturino nuovo e siamo già operativi.
Complessivamente sono molto soddisfatto. Ricordo che è anche resistente ad acqua (1 metro x 30 minuti) e polvere, quindi sono già tranquillo e so che me lo potrò portare in spiaggia senza problemi.

In perfetto stile Google.

Hardware

Qualcomm-Snapdragon-400

Anche qui rimango piacevolmente stupito: Snapdragon 400, 4GB di memoria interna e 512MB di RAM rendono il G Watch un ottimo dispositivo. Lo Snapdragon ha funzioni avanzate per il risparmio della batteria e la RAM è sufficiente ad eseguire tutti i processi. Ricordiamoci che questo è un orologio, non un cellulare. Per la memoria interna… 4GB sono più che sufficienti!

Il bluetooth 4 è stata una scelta ottima e obbligata, prende bene e consuma poco. In tutta onestà mi manca il GPS: sarebbe stato davvero molto utile, ma allo stesso tempo comprendo che possano essere state fatte delle scelte a favore dell’energia. Il GPS, su un dispositivo con una batteria limitata, avrebbe ridotto l’autonomia di molto. In tutta onestà anche lato hardware sono soddifatto: ha lo stretto indispensabile e per quello che deve fare va più che bene.

(Già immagino smartwatch avanzati e tamarrissimi con 3000mAh di batteria, 46 sensori diversi, schermo da 90 pollici… this is China!)

Display

Il piccolo e comodo display da 1,65 pollici è PERFETTO. La qualità non è altissima, ma sulla dimensione è ottima: usandolo in macchina per esempio riesco a leggere perfettamente mentre con il mio S4 anche in condizioni di luce elevata faccio fatica. La risoluzione non eccelsa, ma dobbiamo restare obiettivi: è uno stramaledetto orologio! Non dovete vederci i film e lo si guarda sempre ad una debita distanza dagli occhi.

lg-g-watch-1

Autonomia

Lo sto provando ormai da una settimana, direi che il rodaggio è fatto. A schermo sempre acceso mi arriva alle 23.00, direi che può bastare. Se invece lo schermo lo tengo spento mi arriva senza problemi ad un giorno e mezzo. Inoltre trovo molto comoda la base di ricarica semimagnetica: piccola, elegante, discreta. Io me la sono piazzata accanto al comodino ed è davvero comoda.

Android wear

Siamo arrivati alla nota dolente.

Sostanzialmente il G Watch, o più precisamente, Android Wear è un prolungamento fisico di Google Now e del centro notifche di Android. Google Now e Play Services sono un’accoppiata perfetta per uccidere la batteria su Android, non aspettatevi miracoli con Android Wear.

Io con il mio S4 e una batteria potenziata da 2800mAh arrivo alle 12:45 con il 75% di batteria e NIENTE: significa che il sistema e tutto quello che ci sta sotto mi hanno portato via il 25% in una mattinata (ok, mettiamoci anche un po’ di WhatsApp). Teribbile?

Inoltre le applicazioni compatibili sono MINIME. Aspetto il giorno di potere rispondere a voce ad un messaggio su WhatsApp o da Facebook Messenger, che arriverà tra 10 anni.
In sostanza: reputo Android Wear MOLTO acerbo. Non solo per la mancanza di compatibilità delle applicazioni ma anche per il riconoscimento vocale pressochè imbarazzante di Google Now.

Per mandare un SMS a mio padre mi ci sono voluti 15 minuti per farmi capire “Ok Google, Manda un messaggio a papà ciao come va?”. In inglese invece il tutto funziona PERFETTAMENTE. Sono minime le opzioni modificabili, watch face orrende ma in tutto questo marasma di negatività sono comunque soddisfatto delle poche funzionalità che offre.

Una funzione molto comoda per me è poter cambiare le tracce audio rapidamente: ad esempio mentre guido, un click sull’ orologio e sono a posto.

Miti da sfatare

La batteria dura troppo poco: ricordate cosa ho detto 2 righe più su? E’ UNO STRAMALEDETTO OROLOGIO, coa pensavate di farci? Onestamente non mi sembra un problema ricaricare un orologio tutte le sere (alcuni ricaricano il telefono due volte al giorno…).

La base è brutta e scomoda: parliamone. A me pare comodissima e poco ingombrante. Una volta che decidete un posto per la ricariche siete a posto. Se siete coraggiosi potete pure appenderla al muro, tanto è magnetica e il telefono ci rimane attaccato senza problemi.

Continua a scollegarsi: balla, in una settimana mi si è scollegato solo una volta e avevo lasciato il telefono in cantina mentre io ero letteralmente dall’ altra parte della casa. Se speravate di avere un telefono da polso… Sbagliate.

Applicazioni scomode da avviare: parzialmente vero, per avviarle dovete ricorrere alla voce. Non volete? No problem, ci sono dei comodissimi launcher che con uno swipe vi permetteranno di avere le app compatibili a portata di dito.

G Watch e Android Wear: ecco la nostra opinione, 5.0 out of 5 based on 1 rating
$accesspress_mag_show_footer_switch = of_get_option( 'footer_switch', '1' ); $accesspress_mag_footer_layout = of_get_option( 'footer_layout' ); $accesspress_mag_sub_footer_switch = of_get_option( 'sub_footer_switch', '1' ); $accesspress_mag_copyright_text = of_get_option( 'mag_footer_copyright' ); $accesspress_mag_copyright_symbol = of_get_option( 'copyright_symbol', '1' ); $trans_top = of_get_option( 'top_arrow', 'Top' ); if( empty( $trans_top ) ) { $trans_top = __( 'Top', 'accesspress-mag' ); } ?>